Le tariffe più basse per il tuo Hotel in Toscana con Booking.com

Le offerte migliori direttamente dai proprietari su AgriturismoInToscana.com

Prenota Visite e Tour Guidati

Prenota il tuo Tour

Prenota i tuoi biglietti ed evita le attese!

Prenotazione Musei

Un intero giorno alla scoperta di Pisa

Pisa è comunemente conosciuta come la città della Torre pendente: la particolarità di questo edificio, infatti, l’ha resa famosa in tutto il mondo, ma esistono anche altre ragioni per cui val la pena visitare questa splendida città toscana (ma non chiedetelo ad un lucchese o ad un livornese, perchè la loro storica rivalità è tuttora molto sentita e vissuta tra gli abitanti, non a caso il detto Meglio un morto in casa che un pisano all’uscio la dice lunga su questa storia!).

Il consiglio, come per tutte le grandi città, è quello di lasciare l’auto a casa e preferire i mezzi pubblici: autobus e treni forniscono un ottimo servizio a Pisa, se partite da una città vicina come Lucca potete anche optare per un viaggio un pò più panoramico con il bus, ma il treno è sicuramente più economico e veloce, soprattutto se avete a vostra disposizione solo un giorno per visitare quante più attrazioni possibili di questa città.

Detto questo, la proposta è quello di un itinerario da percorrere esclusivamente a piedi, partendo dalla piazza della stazione (sperando che abbiate seguito il nostro consiglio, dove arrivano anche la maggior parte degli autobus extraurbani). A chi avesse deciso di pernottare una notte a Pisa per guadagnare un pò di tempo, suggerisco di muoversi a piedi, il centro è tutto facilmente raggiungibile con una breve e piacevole passeggiata. Se avete, invece, pernottato fuori Pisa potete comodamente prendere un autobus di linea, ce ne sono diversi che raggiungono la piazza della stazione o le sue immediate vicinanze.

Piazza Vittorio Emanuele e il Lungarno Galilei

Lungarno di Pisa

Una volta usciti dalla stazione, si intravede subito Piazza Vittorio Emanuele, il fulcro amministrativo della città, dove una serie di palazzi storici si affacciano su questa piazza di forma quasi anfiteatrale e dal perimetro quasi completamente caratterizzato da loggiati pieni di negozi e percorribili a piedi. Da qui ci si incammina verso Corso Italia, la via più rinomata di Pisa, affollata di negozi di ogni genere, l’ideale passeggiata per tutti gli amanti dello shopping.

Dopo aver oltrepassato Piazza del Carmine e Piazza della Pera, giungiamo alle celebri Logge dei Banchi all’imobocco del Ponte di Mezzo sul fiume Arno (quello dove viene disputato il famoso Gioco del Ponte), un caratteristico ed impressionante loggiato eretto su progetto del Buontalenti durante i primi anni del XVII secolo ed adibito ad ospitare il mercato della lana e della seta (da qui il nome banchi - bancarelle).

Ci dirigiamo verso Lungarno Galilei: i lungarni di Pisa, ovvero quelle strade che costeggiano il fiume Arno, sono rinomati sia tra gli abitanti che i turisti di Pisa: punti di ritrovo ed aggregazione per i primi con bar, ristoranti e pub, e piacevole e suggestiva passeggiata per i secondi, che qui possono ammirare l'architettura urbanistica della città e l’impronta storica degli edifici - di origine anche medievale, poi rimaneggiati nel corso degli anni - e dei palazzi che ne costituiscono, in un certo senso, il fulcro artistico.

Sul lungarno Galilei, dopo il Palazzo Lanfranchi, troviamo la Chiesa di San Sepolcro dalla curiosa pianta ottagonale, nata con lo scopo di chiesa, rifugio, ospedale e convento e dedicata ai templari.

Lungarno Mediceo e Piazza dei Cavalieri

L’altra sponda dell’Arno, invece, è costeggiata dal Lungarno mediceo, forse il più importante e rinomato per la presenza sia di Palazzo Medici, conosciuto anche come Palazzo Vecchio (fu residenza di Cosimo Il Vecchio e dimora di Lorenzo Il Magnifico) che della chiesa di San Matteo con accanto il Museo Nazionale San Matteo, dove vengono custodite opere di artisti italiani di tutti i tempi.

Mattinata di sole sul lungarno pisano

Pochi altri passi e si arriva al caratteristico Borgo Stretto, una stradina di origine medievale con una serie di loggiati, antichi negozi e botteghe che suscitano sempre un certo interesse sia nei passanti usuali che nei turisti, più che altro perchè sembra appartenere ad un’altra dimensione temporale, una strada storica che conserva ancora intatta l’atmosfera dei tempi passati.

Da qui la Piazza dei Cavalieri si trova davvero a breve distanza: si tratta della piazza dove ha sede la prestigiosa università Scuola Normale di Pisa, oltre che al Palazzo dell’Orologio, quello con le due torri, di cui una resa famosa da Dante nella sua Divina Commedia, la Torre della Fame. Qui, infatti, come recita l’opera dantesca, venne imprigionato e morì - di fame, appunto - il conte Ugolino della Gherardesca insieme ai suoi figli e nipoti.

Piazza dei Miracoli

Piazza dei Miracoli: il duomo e il battistero

Una decina di minuti ancora e siamo in Piazza dei Miracoli, passando per via Santa Maria, una traversa della suddetta piazza, appunto, dove si trovano due delle facoltà più rinomate dell’ateneo pisano: la facoltà di Lingue e Letterature straniere e la Scuola per Interpreti e Traduttori. Ed è proprio a due passi dalla scuola che si apre su via Santa Maria lo scorcio della bellissima Piazza dei Miracoli, quella che tutti conoscono per la Torre pendente, sebbene ospiti altri edifici di interesse storico-artistico a cui deve il suo nome: il Battistero, il Duomo ed il Camposanto (a rappresentare il ciclo della vita - nascita, vita, morte).

Il Duomo di Pisa è uno splendido esempio di romanico pisano la cui facciata è in marmo grigio e bianco, decorata con marmi policromi a differenza dell’interno, dove prevalgono marmi neri e bianchi. Il suo campanile, uno dei più rinomati al mondo, alto circa 50 metri ha una caratteristica pendenza che può esser definita senza ombra di dubbio unica al mondo, dovuta ad un cedimento del terreno riscontrato già ai tempi della sua costruzione.

Il duomo e la torre pendente in Piazza dei Miracoli a Pisa

Mi piace venir qui e pensare come sarebbe stato questo posto se solo la costruzione del campanile non avesse avuto nessun problema strutturale...chissà cosa venderebbero le bancarelle che oggi percorrono tutto il perimetro della piazza al posto della torre pendente e chissà, forse sarebbe altrettanto famosa o forse sarebbe diventato un angolo di nicchia per pochi cultori dell’arte e sognatori di tutto il mondo...chissà… La torre, fino a qualche anno fa chiusa al pubblico, è stata riaperta e si può, dunque, salire fino in cima per visitarla ed affacciarsi da una delle sue tante finestrelle.

Un curioso aneddoto: il Battistero, come il Camposanto in stile gotico, ogni anno è meta di studenti di scuole superiori che qui si recano 100 giorni prima dell’esame di maturità per prender parte ad un rito propiziatorio e leggendario: girare tante volte intorno al Battistero quanti sono i voti che vorresti prendere all’esame!

Intorno alla piazza si trovano, inoltre, il Museo dell’Opera del Duomo - che ospita i reperti artistici del Duomo e del Battistero - e il Museo delle Sinopie. Potete acquistare dei biglietti cumulativi che vi permetteranno di entrare in più luoghi della Piazza (nel Duomo potrete entrare gratuitamente con l’acquisto di un solo ingresso) tra quelli sopra menzionati, tranne la Torre Pendente, che ha un ingresso a parte.

L'Orto Botanico

A 3 minuti di cammino dalla Piazza troverete l’Orto Botanico, una tappa che merita mettere in programma: l’entrata è molto economica (2,50 per gli adulti, ma sono previste diverse agevolazioni, tra cui il biglietto-famiglia, ovvero genitori con bambini - di soli 6 euro) ed è una sosta un pò diversa rispetto a quelle - principalmente artistico-architettoniche - proposte fino ad ora: un pò di natura prima di terminare l’itinerario pisano non guasta!

Invece di ripercorrere tutto il tragitto in senso contrario, potete dirigervi a questo punto verso la stazione di Pisa San Rossore, dove transitano treni per Pisa Centrale (per eventualmente cambiare treno) e Firenze via Lucca, risparmiando così un pò di tempo e concedendo un pò di tregua ai vostri piedi :-) Se decidete di non fare immediatamente rientro alla base, potete fermarvi a mangiare presso uno dei tanti ristorantini tipici della città, sui lungarni ne troverete di molto carini a prezzi onesti.

Detto questo, non mi resta che lasciarvi alla vostra scoperta di una delle città più affascinanti della Toscana, un tempo Repubblica Marinara.


Autore: Chiara Ricci

Da sempre interessata a sperimentare tutto ciò che attrae la mia curiosità (o quasi tutto!!), ho viaggiato per l'Europa in cerca di un luogo che potesse offrirmi qualcosa di diverso... Risultato? Fallimento totale, non c'è miglior posto di casa, soprattutto se si trova in Toscana! La mia passione? Nuotare, aiuta le persone a mantenere un contatto con quell'elemento della natura che l'uomo non è riuscito a conquistare!



Commenti

Domande? Il posto giusto dove chiedere è il nostro Forum*

* Non ci è possibile rispondere a domande poste nei commenti, per favore chiedi sul Forum!

Le nostre Guide

  • DiscoverTuscany.com
  • VisitFlorence.com
  • Chianti.com
  • Agriturismo in Toscana.com
  • Firenze Alloggio.com