Le tariffe più basse per il tuo Hotel in Toscana con Booking.com

Le offerte migliori direttamente dai proprietari su AgriturismoInToscana.com

Trova la tua Casa Vacanze o Appartamento in Toscana su Airbnb

Case Vacanza su AirBnb

Prenota Visite e Tour Guidati

Prenota il tuo Tour

Prenota i tuoi biglietti ed evita le attese!

Prenotazione Musei

Scopri le offerte dei migliori Ristoranti in Toscana con TheFork

Prenota il Ristorante

La villa medicea di Cerreto Guidi: misteri, omicidi & intrighi

La monumentale eredità di Cerreto Guidi

Ubicata in posizione dominante sulla cima di un colle a soli 40 km da Firenze, la villa medicea - dichiarata dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità - si erge nel centro dell'incantevole borgo di Cerreto Guidi. Circondata da un vortice di vicoli e stradine che sembrano snodarsi tutti intorno alla villa in anelli concentrici, questo edificio monumentale ti farà vivere una sorta di tuffo nel passato, ai tempi dei Gran Duchi di Toscana. 

Costruita sulle rovine di un castello di proprietà dei signori feudali I Conti Guidi, la villa nacque come "capanno per la caccia" per Cosimo I, a cui piaceva trascorrere dei soggiorni prolungati in campagna, lontano dallo stress della vita quotidiana e stare all'aria aperta, passeggiare, pescare e cacciare.

What is there to see in Villa Medici in Cerreto Guidi

Queste terre furono di proprietà di Cosimo il Vecchio e, successivamente, di Lorenzo il Magnifico, entrambi intenzionati ad aumentare i propri investimenti immobiliari nelle zone rurali, con l'intenzione di estendere la loro autorità ed il loro dominio all'interno del territorio toscano. Le caratteristiche di questi terreni, fertili ed adatti sia alle coltivazioni che agli animali, fecero di quest'area una scelta quasi scontata. 

Dopo che la dinastia de' Medici fu estinta (1738), la villa passò alla famiglia dei Lorena che, successivamente, la vendette a privati. Infine, la villa tornò ad essere di proprietà dello stato nel 1969 per poi divenire museo nazionale.

What is there to see in Villa Medici in Cerreto Guidi

La forma della Villa de' Medici

Nell'avvicinarti alla villa, dovrai far ricorso alla tua immaginazione per figurarti la struttura originale: un capanno per la caccia relativamente semplice. Col tempo, è cresciuta di dimensioni e di prestigio ed oggi è parte del vasto patrimonio che ci ha lasciato in eredità la famiglia de' Medici. Oggi, l'imponente struttura, coperta da un grande tetto a tendone, è caratterizzata da una facciata dalla "sobrietà calcolata" e composta da pochi elementi decorativi intorno alla porta e da cornici alle finestre. La parte posteriore della facciata sfoggia, invece, un portico supportato da pilastri, a loro volta sormontati da archi, con basi e capitelli senza decorazioni.

Su volere del duca, sembra che la costruzione del nucleo originale della villa, in origine un semplice capanno per la caccia, ebbe inizio intorno al 1555, ma alcune fonti documentate sembrano spostare l'inizio della maestosa costruzione della residenza medicea al novembre del 1564.

La villa si sviluppa intorno ad una sala centrale a cui si può accedere direttamente dalla porta principale, mentre sul retro della sala si trovano delle scale che conducono al piano superiore; la villa vanta anche un bellissimo giardino aperto al pubblico, che però sembra essere più recente del 19° secolo, a differenza della villa. 

What is there to see in Villa Medici in Cerreto Guidi

Gran parte del materiale usato per la costruzione della residenza fu reperito dai resti della Rocca, delle torri e delle mura difensive del 14° secolo, sulle cui rovine fu costruita, appunto, la villa. Il Duca utilizzò manodopera reclutata attraverso il "sistema a comando", che stava a significare convocazione obbligatoria e, talvolta, lavoratori privati.

Architetti di fiducia

Bernardo Buontalenti entrò a servizio dei Medici da giovane e vi rimase per il resto della sua vita. Si dice abbia ricevuto insegnamenti di pittura, scultura e miniatura; infatti, più che come pittore, acquisì fama come architetto, progettando e realizzando fortificazioni, ville e giardini e divenendo, così, uno dei più importanti architetti del periodo manierista...e non dimentichiamo che viene considerato anche l'inventore del gelato!

L'esterno della villa, la sua pianta e l'arredo interno sono ricchi di immagini simboliche che un visitatore, durante il periodo di costruzione della villa, avrebbe facilmente associato ai domini della famiglia medicea. 

Questi simboli subirono un'evoluzione nel corso degli anni, grazie all'uso preciso di un linguaggio architettonico creato appositamente per i Medici.

Questo codice architettonico, dunque, fu sviluppato ed approvato dagli esperti architetti della famiglia, come Giuliano da Sangallo, autore di molte delle opere realizzate dai Medici.

What is there to see in Villa Medici in Cerreto Guidi

Si dice che il Buonalenti sia stato l'autore del progetto delle rampe di scale della villa, sia quella a mattoni rossi che quella in pietra Gonfolina, meglio conosciute come "scale medicee", in forte contrasto con l'intonaco di colori chiari della facciata della villa. Furono considerate una sorta di valore aggiunto, dato che non solo garantivano un facile accesso all'edificio, ma creavano anche un utile e necessario sistema di mantenimento per il terrapieno, collassato in diverse occasioni nel corso dei secoli.

L'apertura delle scalinate un tempo consentiva l'accesso alle stalle; la piazza dinanzi alla villa sotto le  scale  oggi viene usata come sorta di palcoscenico per i numerosi eventi che vengono organizzati a Cerreto Guidi, tra cui il Palio di Cerro a settembre e la Notte d'Isabella a luglio.

La vista panoramica dalla terrazza che guarda la villa è semplicemente straordinaria: abbraccia una piccola parte della varietà paesaggistica che caratterizza la Toscana, dagli Appennini alle colline ubicate tra l'Arno e il Padule di Fucecchio. 

What is there to see in Villa Medici in Cerreto Guidi

Il Museo ospitato all'interno

A partire dal 2002, questo museo, insieme al suo giardino adiacente, è - come alcune delle ville medicee - aperto al pubblico con orari continui e regolari. Inoltre, la villa offre tour guidati gratuiti ed organizza diversi eventi culturali. La villa ospita il Museo Storico della Caccia e del Territorio che risponde perfettamente al suo scopo originale, anche se negli anni successivi alla costruzione, l'edificio fu usato più come residenza di campagna che come capanno di caccia.

L'esposizione principale è focalizzata sulla relazione tra l'attività di caccia ed il territorio toscano, in particolare la sua evoluzione storica: ovvero il passaggio da caccia intesa come attività per la sopravvivenza a quella di sport ed attività sociale. Visitando il primo piano della villa, si può apprezzare una collezione di armi, principalmente per la caccia, del 18°/19° secolo. Tra gli esemplari più significativi, vi sono delle armi che appartennero ai Gran Duchi Pietro Leopoldo e Ferdinando III di Toscana.

What is there to see in Villa Medici in Cerreto Guidi

Misteri & Omicidi

Il giorno 15 luglio 1576, la villa fu la scena di un brutale omicidio, quello di Isabella de' Medici per mano di suo marito Paolo Giordano I Orsini, duca di Bracciano: come tradizione, Isabella fu assassinata per la sua infedeltà. Da allora, si dice che il fantasma della triste Isabella vaghi ancora per le stanze della villa, in cerca di pace. Per cui, se vuoi un pò di mistero ed avventura, ti consiglio di visitare la stanza - APERTA AL PUBBLICO! - in cui Isabella de' Medici, figlia di Cosimo I, fu strangolata da suo marito Paolo Giordano Orsini per sospetta infedeltà nel 1576.

Oltre alla collezione del museo, vi sono diversi altri elementi che contribuiscono all'arredo interno della villa, tra cui: quattro arazzi del 18° secolo, affreschi alle pareti di vari periodi e diverse prestigiose opere d'arte, tra cui alcune di importanti e famose artiste donne.

Vanta, anche, una pregiata collezione di ritratti della famiglia medicea e vari pezzi appartenenti ad una collezione romana e romanico-gotica di oggetti lapidari. Vi è anche il corridoio preferenziale che la famiglia era solita usare per prender parte alla santa messa tenuta presso l'adiacente Pieve di San Leonardo: la famiglia poteva, infatti, assistere alla funzione religiosa da un piccolo corridoio al piano superiore nascosto da grate in legno che venivano aperte, solo su richiesta della famiglia, attraverso un piccolo cancello.

Puoi concludere la visita della villa con i giardini che la circondano ed una passeggiata in paese, dove si respira ancora quell'atmosfera tipica dell'epoca medicea. Per ulteriori informazioni su cosa vedere, leggi la nostra guida su Cerreto Guidi, dove troverai dettagli sui monumenti, le chiese ed i punti di interesse turistico limitrofi.

What is there to see in Villa Medici in Cerreto Guidi


Autore: Donna Scharnagl

Ho messo piede in Italia per la prima volta più di 25 anni fa ed ancora non ho trovato un buon motivo per andarmene. Dell'Italia amo il cibo, la cultura, la storia, l'arte, i paesaggi...ho menzionato già il cibo?! Mi definisco una studentessa a lungo termine. E così ho imparato che gli italiani hanno storie che vale la pena di ascoltare, storie che dipingono un quadro che mostra come il duro lavoro forgi il carattere, come la vita sia fatta di alti e bassi e quanto sia bello ridere.



Commenti

Domande? Il posto giusto dove chiedere è il nostro Forum*

* Non ci è possibile rispondere a domande poste nei commenti, per favore chiedi sul Forum!

Le nostre Guide

  • DiscoverTuscany.com
  • VisitFlorence.com
  • Chianti.com
  • Agriturismo in Toscana.com
  • Firenze Alloggio.com